È consuetudine pensare che fare una pulizia viso sia sinonimo di applicare una maschera e una crema ed il gioco è fatto. Questo può essere vero per chi si accontenta di risultati mediocri, ma per coloro che pretendono il meglio il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un’estetista professionista.

I motivi sono molteplici ma dato che non voglio rubarti troppo tempo te li riassumo in 4 semplici punti.

1. Bisogna saper riconoscere le esigenze della propria pelle

Il nostro viso ha una struttura ben definita con funzionalità specifiche, ciò significa che la maschera è l’ultima cosa a cui pensare! Prima di tutto è necessario riconoscere le esigenze della propria pelle e questo te lo può dire solo un’estetista professionista perché possiede le competenze necessarie per sapere cosa applicare sul tuo viso per farlo risplendere.

Utilizzare un prodotto non adatto potrebbe portare ad un peggioramento del nostro viso perché, contro la sua volontà, deve reagire ad un trattamento sbagliato.

2. Bisogna capire il grado di fragilità

È importante rendersi conto che il viso di ognuno di noi è diverso, con esigenze differenti. Conseguentemente è impensabile credere che un unico prodotto o trattamento possa andare bene indistintamente per tutti.

Ci sono pelli più o meno fragili e queste vanno riconosciute e assolutamente trattate nel giusto modo. Volendo fare un breve esempio, se un prodotto non idoneo viene applicato su una pelle fragile, magari anche sottile, quello che accade è che la pelle reagisce diventando rossa come un peperone e nei casi più gravi può causare anche prurito;  peggio ancora quando invece la pelle è più spessa, la prima cosa che pensiamo è di doverla “assottigliare” per avere un bel colorito.

In realtà questi sono tutti sintomi di trattamenti sbagliati, la pelle non è stata trattata nel modo corretto.

3. Bisogna sapere cosa usare in quel preciso momento sulla nostra pelle

Ti svelo un piccolo segreto: se desideri avere un viso fresco e luminoso devi capire che LA PELLE VA ASCOLTATA! Sembra strano ma è così, la pelle ci dice sempre quali sono le sue esigenze. Capita a volte che nuove clienti mi dicono “Valeria quando metto la crema mi sento unta!”, in realtà la pelle mi sta dicendo che quella crema non va bene perché può essere troppo grassa, oppure non è adatta per la stagione in cui ci troviamo.

Non ascoltarla significa causare dei danni perché in ogni caso lei si adegua alle sostanze che stai utilizzando e qui mi ricollego al punto 2 dove ti spiegavo che ognuno di noi ha una pelle diversa. In realtà il concetto è abbastanza semplice da capire: la pelle si inspessisce quando continuiamo ad aggredirla con sostanze per lei troppo forti e si assottiglia quando continuiamo a fare dei peeling che in realtà non servono.

4. Il rilassamento psico-fisico è fondamentale

In ultimo ma non ultimo il rilassamento psico-fisico è fondamentale per ottenere ottimi risultati perché le manovre e le sostanze funzionali utilizzate durante il trattamento lavorano in modo migliore. Inoltre le diverse fibre e reticoli che compongono la pelle e che donano tonicità ed idratazione al viso non sono compromessi dalle tensioni nervose, questo implica una notevole riduzione delle rughe.

Tutto questo è racchiuso nell’innovativo trattamento che ho ideato: KI-BELLA. Grazie all’utilizzo del REIKI ha effetti estremamente benefici sulla pelle del viso. Infatti, lavorando inizialmente sullo stress quotidiano, agisce sul rilassamento psico-fisico e conseguentemente aiuta a riportare all’equilibrio corpo e mente. Questo consente alla manualità del massaggio ed alle sostanze funzionali utilizzate durante il trattamento di agire in modo migliore.

Fonte immagini

desideridibellezza.it;freesoulbenessere.com; ilbiochevoglioio.com

Che ne dici di condividere questo articolo?