In questo breve articolo vorrei sfatare il comune detto “Se bella vuoi apparire un poco devi soffrire”, questo comporta per te una grandiosa novità: basta con le pulizie viso dolorose!

Ti sarà capitato, a causa di esperienze negative, di associare la pulizia viso ad un trattamento doloroso perché un’operazione comune dei consueti trattamenti viso è la “spremitura”.

Ed eccoci arrivati alla novità: il mio innovativo metodo non prevede la spremitura dei punti neri! Questo non significa che non vengono rimossi, semplicemente questo processo è differente e soprattutto TOTALMENTE INDOLORE.

Cos’è il punto nero?

Il punto nero non è altro che il sebo ceroso prodotto naturalmente dalla pelle che a contatto con l’ossigeno presente nell’aria si ossida e diventa di colore nero.

Il motivo per il quale il mio metodo non prevede la spremitura è perché, oltre ad essere dolorosa, molto spesso rovina la pelle in maniera irreparabile. Infatti questa procedura prevede l’applicazione di una certa pressione che potrebbe compromettere il nostro reticolo di capillari (mi riferisco a quelli situati nello strato superficiale della pelle).

Spesso capita che dopo aver tolto i punti neri si creano delle macchie rosse sul viso, specie in alcune zone (es. vicino al naso), con il passare delle ore queste macchie si alleviano ed affiora il “danno“ lasciato. I capillari invece di tornare allo stato originario rimango dilatati e soprattutto EVIDENTI; se questo dovesse accadere purtroppo non si torna più indietro se non tramite costosi trattamenti!

Il metodo KI-BELLA

Il mio metodo, invece, prevede una serie di sedute dove inizialmente andremo a lavorare alla base del problema. Infatti se hai il problema dei punti neri probabilmente stai sbagliando qualcosa nel trattamento quotidiano della tua pelle. Quasi sicuramente la stai “aggredendo” con sostanze molto alcaline e ciò significa che quotidianamente quando ti lavi il viso perde sempre più idratazione. Questo comporta una continua sollecitazione nella produzione di sebo ed è proprio questo anomalo aumento di sebo a creare il punto nero.

Quello che quindi faremo nelle varie sedute, attraverso massaggi e applicazione di specifici prodotti, sarà andare a riequilibrare la funzionalità della pelle e per ultimo ma non ultimo il Reiki farà in modo non solo che il trattamento sia maggiormente efficace ma alla fine della seduta ti sentirai rinata!

Tutto questo purtroppo non serve a niente senza il tuo aiuto perché, se una volta a casa, non tratti la pelle in modo adeguato i punti neri si potrebbero riformare. Ovviamente non ti chiedo di stravolgere le tue abitudini ma di ritagliarti 5 minuti mattutini per prenderti cura del tuo viso.

A questo punto sei tu a dover decidere: è meglio una seduta “one shot” dove i punti neri vengono rimossi ma la pelle si potrebbe danneggiare o un percorso al termine del quale i punti neri saranno comunque svaniti e soprattutto non avrai provato il minimo dolore?

Fonte immagini

Selez.com; Cliomakeup.com

Che ne dici di condividere questo articolo?